Grande successo per il progetto coordinato dalla Prof.ssa Graziella Pellegrini dell’Università di Modena e Reggio Emilia e presentato il 28 e 29 gennaio 2022 a Expo di Dubai, presso il Padiglione Italia.


Il progetto spiegato dalla prof.ssa Graziella Pellegrini, Coordinatrice della Terapia Cellulare al Centro di Medicina Rigenerativa “Stefano Ferrari” dell’Università di Modena e Reggio Emilia

Il progetto, finanziato dalla Regione Emilia-Romagna e organizzato dall’università di Modena e Reggio Emilia con il supporto di Art-ER, ha visto impegnati diversi soggetti pubblici e privati per animare l’Auditorium e l’Accademia del Padiglione Italia con una pluralità di iniziative.

Nell’auditorium, gli Atenei dell’Emilia-Romagna hanno raccontato le eccellenze regionali nella medicina personalizzata, attraverso gli interventi della Prof.ssa Graziella Pellegrini (Rebuilding the human body- min. ) e del dr Davide Adamo (Towards the airways reconstructions) dell’Università di Modena e Reggio Emilia, della Prof.ssa Valeria Raparelli (Highlight on gender medicine: research and education for appropriate cure) dell’Università di Ferrara e del Prof. Luca Lorenzini (The brain and its self-repair) dell’Università degli Studi di Bologna.

Molto emozionante e coinvolgente è stata la prima mondiale dello spettacolo teatrale “Medicine of the future”, prodotto dalla Compagnia Arditodesìo e diretto da Andrea Brunello, in scena con Tommaso Rosi per raccontare le eccellenze della medicina personalizzata in Emilia-Romagna sotto forma di teatro-scienza con l’ausilio della realtà virtuale e delle musiche di Enrico Merlin.

Ad arricchire la mattinata in Auditorium anche l’intervento di Silvano Zanuso, della Wellness Foundation (Healthy people, healthy planet: the Wellness Valley project).

Potete seguire qui lo streaming (in inglese) della mattinata del 28 gennaio dal Padiglione Italia di Expo Dubai:

La medicina personalizzata in diretta dall’Auditorium

Il progetto ha previsto inoltre una serie di attività interattive nell’adiacente spazio dell’Accademia, in cui i visitatori hanno potuto vedere e sperimentare di persona alcuni esempi di medicina personalizzata.

Qui il video introduttivo, realizzato da Stefano Cozzi con il contributo di Luca Maggi, sulle eccellenze scientifiche nel campo della medicina personalizzata nei quattro atenei dell’Emilia-Romagna: le terapie cellulari e geniche a base di cellule staminali sviluppate dall’Università di Modena e Reggio Emilia in collaborazione con lo spin off universitario Holostem Terapie Avanzate, la medicina di genere dell’Università di Ferrara, le nuove terapie contro le infezioni virali sviluppate dall’Università di Parma e le terapie innovative per la riparazione del sistema nervoso sviluppate dall’Università di Bologna in collaborazione con la Fondazione IRET e con Montecatone Rehabilitation Institute.

Il video illustrativo realizzato da Stefano Cozzi

La prima delle installazioni presenti in Accademia è stata “360° gene Therapy Experience” un video immersivo sulla terapia genica realizzato da Oneframe con grafica 3D fruibile dal pubblico di Expo mediante visori di realtà aumentata messi a disposizione dall’associazione Le ali di Camilla, che supporta i pazienti con Epidermolisi Bollosa seguiti a Modena.

360° Gene Therapy Experience spiegato da Barbara Bernardini

Il percorso del visitatore continuava con il gioco interattivo “How does your DNA sound?”, progettato da Francesco Ballerini e realizzato da Movie &Arts con testi di Stefano Cozzi e Luca Maggi.

L’ultima tappa del percorso espositivo ha previsto per i visitatori anche la possibilità di osservare in real time cellule in fluorescenza mediante un microscopio messo a disposizione da Zeiss.

L’osservazione delle cellule al microscopio spiegata da Alessandro Di Nicola

Uno spazio all’interno dell’Accademia è stato infine dedicato al Clust-ER Industrie della salute e del benessere con interventi del Clust-ER manager Sauro Vicini (Emilia-Romagna GO HEALTHY. Assets and strengths of the regional ecosystem – min. 1:44) e dei referenti di alcuni importanti progetti POR-FESR: Francesco Fabbri (CLEAR – CTC targeted Liquid surgEry AppaRatus – min. 9:50), Claudia Cocchi (DINAMICA – Development and validation of nanostructured medicated biomaterials for the treatment and regeneration of metastatic bone tissue – min. 18:34), Stefania Bettinelli (HOLOGENE7 2.0- Epidermolysis Bollosa (EB) in Modena from diagnosis to gene therapy – min. 26:15) and Luca Lorenzini (MAT2REP – Multifunctional biomaterials for the self-repair of tissues and organs – min. 47:00).

Seguono poi i video dei progetti PLENAIR (Free And Inclusive Parks in Network for Intergenerational
Recreational and Physical Activities), FORTRESS (Flexible, large-area patches for real-time detection of onizing radiation INFN-TTLab), MEDFil (Multifunctional filters with high heat and humidity exchange capacity – HMEf- and for the early identification of respiratory tract infections) e CUBIBOX (Customized Biological Box: new generation platform for in vitro testing).

Potete seguire qui lo streaming (in inglese) del pomeriggio del 28 gennaio dal Padiglione Italia di Expo Dubai:

Emilia-Romagna GO HEALTY e i progetti delle scienze della vita in Regione

Seguendo questo link potrete seguire su Instagram gli interventi in italiano (tranne lo spettacolo teatrale) della mattina del 29 gennaio CLUST-ER HEALTH (@clust_er_health) • Foto e video di Instagram

Speciale Expo Dubai 2020 – Personalized Medicine: New tools and active polices for prevention, diagnosis and therapy
Tag: